Milano Investigazioni Agenzia investigativa Milano, Indagini Private, Agenzie investigative

Chiama Milano Investigazioni per una consulenza gratuita al
+39 02.26142758 oppure al +39 335.5469274
Utenza iscritta al registro pubblico delle opposizioni
Brochure e Specifiche Tecniche, Operative e Corrispettivi

Divieto di cumulo tra indennizzo e risarcimento

Ott 1, 2014 | Notizie

Con sentenza n. 13233 dell’11 giugno 2014, la la Corte di Cassazione ha stabilito che in caso un infortunio non mortale, l’infortunato non può cumulare l’indennizzo ottenuto dal proprio assicuratore ˗ con il quale ha stipulato, in epoca antecedente al sinistro, una polizza contro gli infortuni ˗ e risarcimento ottenuto dal terzo responsabile o dall’assicuratore di quest’ultimo, giacché la corresponsione dell’indennizzo o del risarcimento (a seconda di quale pagamento sia avvenuto prima) estingue l’obbligazione.

La decisione si allinea a una precedente giurisprudenza della Suprema Corte adottata a Sezioni Unite (Cassazione 10 aprile 2002 n. 5119, in Foro it., 2002, I, 2039), con la quale si stabiliva che l’assicurazione contro il rischio d’infortuni non mortali rientra tra le assicurazioni contro i danni, rimanendo perciò assoggettata al principio indennitario, espresso dall’articolo 1908 del codice civile. E, pertanto, seguendo il ragionamento fatto proprio dai giudici della Suprema Corte nella sentenza in epigrafe, laddove l’infortunato abbia già ottenuto l’indennizzo non può ottenere anche il risarcimento, se non per differenza tra quanto ottenuto a titolo di indennizzo e quanto spettante a titolo di responsabilità civile (o viceversa), onde evitare che l’infortunato ottenga un indennizzo che ecceda il danno effettivamente patito.

La decisione è destinata ad avere ripercussioni sul mercato assicurativo italiano. Anche perché si scontra con la prassi assicurativa, che tende a inserire tra le condizioni generali delle polizze ‘infortuni’ la cosiddetta clausola di rinunzia, da parte dell’assicuratore, all’esercizio del diritto di surrogazione ex articolo 1916 del codice civile. In altre parole, l’assicuratore indennizza il proprio assicurato e rinunzia a rivalersi nei confronti del responsabile.

Sarà quindi opportuno che il mercato corra al più presto ai ripari  onde evitare un cortocircuito del sistema, in caso di coesistenza di polizze infortuni e responsabilità civile.

Contattaci per un preventivo gratuito o per fissare un appuntamento

Recapiti

Indirizzo

Milano (MI)
Viale Luigi Majno, 38

Scrivici

(i campi contrassegnati da asterisco * sono obbligatori)

Share This