Lecito ricorrere all’investigatore privato per scovare i furbetti della pubblica amministrazione

Gen 1, 2017Notizie

La Suprema Corte ha affermato la legittimità dei controlli difensivi sui propri dipendenti tramite agenzie investigative, al fine della tutela del patrimonio aziendale, per l’individuazione e repressione di un comportamento infedele da parte del lavoratore. Con la recente sentenza n. 71/2016 si è tra l’altro sancita la possibilità della Pubblica Amministrazione di avvalersi di una agenzia investigativa privata, invece che delegare le indagini agli enti preposti. I Giudici hanno infatti ritenuto legittimo, in ordine al principio di urgenza, il ricorso ad un’agenzia investigativa privata per evidenziare abusi di un dipendente in congedo parentale, che di fatto nel predetto periodo svolgeva invece attività retribuita presso terzi. Anche la recente sentenza 10482 del 25.5.2016 della Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento del dipendente per la venuta meno del vincolo fiduciario nei confronti del datore di lavoro. Il lavoratore aveva infatti incaricato un collega di timbrare il cartellino al suo posto, prendendo poi lui servizio un’ora più tardi. Per la Corte quel tipo di condotta giustificava il licenziamento.

Share This
Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza su questo web.
Puoi scoprire di più nelle pagine
Cookie Policy
Privacy
Privacy per servizi di informazioni commerciali
Accetto
Rifiuta
Impostazioni
Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza su questo web.
Puoi scoprire di più nelle pagine
Cookie Policy
Privacy
Privacy per servizi di informazioni commerciali
Accetto
Rifiuta
Impostazioni